Lou “muzéou” dë Rooudourét - “Museo” di Rodoretto

Rooudourét

L’ê nësësari dounâ calc ënfourmasioun sû Rooudourét, s’un vol capî coum s’ê pasâ l’ëstorio dë soun “muzéou”: l’ê un paî pâ gaire grô, qu’ës trobbo apôprèe a 1.450 m. s.l.m., â més dë lâ mountannha. L’îtà la lh'à ëncaro calc dêzéna dë përsouna quë lei van, ënvécche l’uvèrn la nh'à mëc pi tërze, quë lei îtën tou’ l’ann e qu’an un agge counsiderabble; la baste pënsâ qu’ uno d’ lâ donna d’eiquiaout ilh à 94 ann, un’aoutro n’à 103 e soun filh, qu’îto ooub illhe, â n’à bèlle 80.

Dâ 1973, cant lou chit “muzéou” së fai, la situasioun èro ëncâ difrënt: l’uvèrn la lh’avìo ëncaro uno dêzéno d’ famillha, e ën la bèllo sazoun toutta lâ meizoun tournavën se ubrî e lî pi jouve së dounavën da fâ për rëndre lou paî pi viou, ën ourganizant toutto sors dë fèta e d’amuzamënt.

Surtout dui apuntamënt ëntërësavën toutto la poupulazioun: lou prim, quë së tënìo lou mê d’ lulh, l’èro lou “Trofeou dî brousé”, uno garo dë marcho e dë tir, ërcounouisùo ufisialmënt da lâ Réjoun, quë fëzìo aribâ a Rooudourét bién d’atlete oou lour famillha e louri amîs.

Lou sëgount apountamënt l’èro la fèto dë San Loourëns dâ 10 d’oout, e l’ê proppi për eiquëllâ fèta qu’ëntò se ourganizâ për lâ fâ pi bèlla e ëntërësanta e quë la nai l’idéo d’uno espouzisioun.

Rodoretto

Alcune informazioni su Rodoretto sono necessarie per capire la breve storia del suo “museo”: si tratta di un paesino situato a circa 1.450 m. s.l.m., dislocato in fondo a una valle selvaggia. Oggi è abitato nel periodo estivo da alcune decine di persone, mentre nel periodo invernale ne restano solo 13, con un’età media molto alta; basti pensare che una signora ha 94 anni, un’altra ne ha 103 e suo figlio, presso il quale abita, ha quasi 80 anni.

Agli inizi degli anni ’70, quando vede i natali il piccolo “museo”, la situazione era diversa: nel periodo invernale si potevano contare una decina di famiglie, mentre in quello estivo tutte le case si riempivano ed i giovani mettevano in opera le loro risorse per vivacizzare il paese, organizzando feste e svaghi di ogni genere.

In particolare due appuntamenti coinvolgevano tutta la popolazione: il primo, che si svolgeva nel mese di luglio, era il “Trofeo dei rododendri”, una gara di marcia e tiro, riconosciuta a livello interregionale, che attirava a Rodoretto molti atleti, al cui seguito giungevano normalmente parenti ed amici.

Il secondo appuntamento era la festa patronale del 10 agosto, ed è proprio intorno a queste manifestazioni che emergono nuove esigenze di svago ed attrazione, fra le quali nasce l’idea di dare vita ad una mostra.

 Museo Rodoretto  Museo Rodoretto R.BORRA

La mountannho contio soun ëstorio

La magistro Elena Breusa, oou lou magistre Enzo Tron e d’aoutrî rooudourìn coumënsën a ërchampâ lh’aize e tou’ soc avìo sampre sërvì a la bëzounnho ën la vitto dë tuoi lî jouërn, ma qu’euiro èro vélh e dëstinà a l’abandoun. Ilh ërbâtën uno sënténo dë toc e përparën un’espouzisioun ën l’eicolo dë cartìe d’ la gléizo Vôdouazo qu’èro dë proupriëà dâ Consistouàre, ma dount la s’èro sampre fait l’eicolo elementaro.

Da jac l’espouzisioun èro anâ bén e quë tuti èrën îtà satisfait, lou magistre Tron, oou la coulabourasioun dë la magistro Breusa e d’aoutri rooudourìn, an dësidà dë lo mantënî coum ilh èro e dë lo fâ vëzitâ a qui èro ëntërësà.

Dâ 1981 laz ëstansia dâ plan d’soubbre soun îtâ aranjâ e, co mersì a la countribusioun dë la Rejoun dâ Piemount, l’espouzisioun ê îtâ faito ënt uno maniéro pi razounâ e pi fasìlo da vëzitâ.

Poc a la vê, l’ê îtà lou magistre Tron qu’à funì për s’ nen oucupâ lou pi, e quë l’à souanhâ për uno trënténo d’ann, pâ moc për lo counsërvâ, ma co për lo fâ counouise foro dâ paî. Tout eiquén ê îtà pousibble mersì a lâ counouisënsa qu’al avìo a l’eitrangìe e co ën fëzënt intrâ lou “muzéou” ënt â rezaou dî Muzéou Vôdouà.

Maleirouzament lî dërìe ann, caouzo dë sa salutte dëlicatto, al ê papì aribà e s’nen oucupâ, l’ê për soc la s’ê dëgù lou sërâ fin a la fin dâ 2004. L’ê ënlouro quë dooutréi roudourin an dësidà dë touërno l’ubrî e dë se ëncharjâ dë la poulisìo dë lâ sala e dë soc èro ën espouzisioun, d’ërfâ l’ëplant elettric, lâ fënétra e lh’û, d’ënchaousinâ e dë blanchî, për qu’â fouse mai përzëntabble.
L’ê surtout mersì a Graziella Pons e Pierino Baral, quë lei soun sampre îtà e qu’an sampre coulabourà oou tuti, quë la s’ê pougù toërno ubrî lou “muzéou”.

La përsouno quë vén lou vëzitâ déou pâ se créire dë se troubâ drant a un’espouzisioun d’aise, ma qu’î s’atënde pitost d’intrâ ënt uno véro meizoun, ëncaro abitâ da calcun; d’ercountrâ soun prouprietari, quë l’aqueullho e li moutro laz ëstansia e, coum la s’ fai d’abituddo, co saz ënvënsioun, laz avërtënsa qu’al à agù për adatâ soc al à fait a saz eizigënsa e a quëlla dâ post. Tou’ soc ê eiqui dint ê ën efét îtà fait a man da calcun dâ paî, e pâ da dë maqquina quë fabriqquën lh’aize un aprèe l’aoutre, tuti a la mémo moddo.

Ëntò se imaginâ dë dëguê vioure ënt eiquëllo meizoun, qu’ê îtâ noumâ “la meizoun dî donn”, e dë dëguê utilizâ soc un lei trobbo dint, përqué qu’ la lei à pâ d’aize quë marchën oou l’eletrisità, ni d’aoutri maquinari tipiqque dë notro vitto d’ënqueui.

Lou “muzéou” finî zhamé dë se fâ; châc ann un lei ajountio d’aoutrî toc (la lei n’à jo pi dë 200), e la s’ê ëncamin dë përparâ la partìo qu’èro la pi ëmpourtanto për notrî vélh: lou téit.

Mafalda Tron

 

La montagna che si racconta

La maestra Elena Breusa, con il maestro Enzo Tron ed un gruppo di rodorini iniziano a raccogliere tutti quegli oggetti ed attrezzi che, pur essendo stati essenziali nella vita dei genitori e dei nonni, non venivano più usati ed erano destinati alla distruzione o all’abbandono. Raccolsero un centinaio di pezzi ed allestirono una mostra nei locali di proprietà del Concistoro della chiesa Valdese, già adibiti a scuola elementare.

Si trattava di una vera e propria mostra, intesa come esposizione di oggetti, il cui esito fu piuttosto soddisfacente. Il maestro Tron, con la collaborazione della maestra Breusa e con altri abitanti del luogo, decisero di mantenerlo nel tempo e ne curarono le visite e la conservazione.

Nel 1981 vennero recuperati due locali al piano superiore della scuoletta e, grazie al contributo finanziario della Regione Piemonte, la mostra venne disposta in modo più razionale e più facilmente visitabile.

Poco per volta, la gestione del museo passò al maestro Tron, che se ne curò per una trentina di anni, attivandosi non solo nella sua conservazione, ma curandone anche la “visibilità”, cosa che ottenne entrando a far parte della rete dei Musei delle Valli Valdesi e rendendolo noto, tramite sue conoscenze, anche all’estero.

Purtroppo negli ultimi anni, a causa della sua salute cagionevole, egli non riuscì più a curarlo, finché si dovette chiuderlo e tale rimase per un paio di anni. Verso la fine del 2004, alcuni rodorini decisero di riaprirlo, provvedendo alla pulizia dei locali e degli oggetti esposti, alla messa a punto dell’impianto elettrico e degli infissi, all’intonacatura e tinteggiatura, al fine di renderlo nuovamente presentabile. È stato grazie a due persone in particolare, Graziella Pons e Pierino Baral, punti di riferimento per tutti quanti hanno collaborato, che si è potuto far rinascere il “museo”.

Il visitatore non deve pensare di trovarsi davanti ad un’esposizione di oggetti, bensì di entrare in una casa nella quale abitino delle persone; di incontrare il proprietario, che li ospita e mostra le sue stanze e, come si fa in queste occasioni, anche le sue invenzioni, gli accorgimenti che ha usato per adattare questo o quell’oggetto alle sue esigenze o alle esigenze del posto. Ogni oggetto è infatti frutto di un lavoro artigianale, che varia a seconda della mano (e qui si parla di mano dell’uomo, e non di una macchina che fa gli oggetti in serie) che lo ha costruito.

Si immagini di dover vivere in quella casa, che è stata chiamata “la casa dei nostri nonni”, e di dover utilizzare quegli oggetti perché non ci sono elettrodomestici a disposizione, né altre macchine o comodità tipiche della nostra vita odierna.

Il “museo” è in continua evoluzione, infatti ogni anno nuovi oggetti si aggiungono (ce ne sono ormai più di 200), ed è in fase di programmazione l’ambiente che per i “nostri nonni” era di fondamentale importanza: la stalla.

Mafalda Tron

Info

frazione Villa di Rodoretto, Prali.
Visita libera: ufficio “Il Barba” tel. 0121.950203
Visite guidate: su prenotazione presso ufficio “Il Barba” tel. 0121.950203
Lou muzéou po pâ èse vëzità da quëlli quë pon pâ marchâ sënso dificultà

 

Info

frazione Villa di Rodoretto, Prali.
Visita libera: ufficio “Il Barba” tel. 0121.950203
Visite guidate: su prenotazione presso ufficio “Il Barba” tel. 0121.950203
Il museo non è accessibile ai disabili (carrozzelle)

Copyright © 2009 Sito istituzionale del Comune di Prali - TO - Fraz. Ghigo, 16 - 10060 Prali (TO) - P.I. 03043330012 - C.F. 85000070012
tel. 0121/807513 - fax 0121/806998 - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - posta certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.