stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Comune di Prali
Stai navigando in : Territorio > Sportello linguistico
Sportello linguistico
La Cumuno - Il Comune

Lou teritori d la Cumuno d Prl d 72,52 Kmq.
Prl s trobbo a 72 quilomttre d distansio da Turin, e lou vialagge d Guiggou, qu lou cap-leuo d la cumuno, al a unaoutour d 1.454 m.

L prl qu s trobbn lou long d laigo grso, nt plane, an doun lou nom pa. Fin 1937, n se adrsant a notro Cumuno, n italian un eicri-o Praly. Lou pa s trobbo cazi a la simmo duno d l brancha d la valaddo d la Germanasco; al travrsi da laigo qu sorto d Lou dnvo, n laz Alp Cosienna, d caire d sai d Parc d Queyras.

Doou lou 1870 co la Cumuno d Rooudourt fai parto d la Cumuno d Prl. L un pa nviroun d mountannha aouta e blla. L Fountana, qu fzn parto d la Cumuno, soun pas a qullo d Salso d 1982 e Lou Bs a qullo d Pre d 1895.



Superficie: Kmq 72,52
Altitudine: m 1.454 (capoluogo)
Altezza minima: 900 m.
Altezza massima: 3.060 m.
Distanza da Torino: km 72
Densit: 4,95 abitanti

Il Comune, che fino al 1937 si chiamava Praly, deriva il suo nome dal termine dialettale prl (prati), ad indicare le estese aree prative del suo territorio. Si trova allimbocco della Val Germanasca, adagiato in un'ampia conca dove scorre il torrente d' Envie e ai piedi delle vette delle Alpi Cozie, che la dividono dal Parco del Queyras.

Nel 1870 ha inglobato il Comune di Rodoretto, che si stende in un vallone laterale racchiuso da alte cime; nel 1982 ha invece ceduto al Comune di Salza la frazione Fontane e nel 1895 la frazione Bess al Comune di Perrero.


>


L coutumma e l tradisioun - Costumi e tradizioni

Lou fstin
Agu un peurc nt tit l' sampre t mpourtant pr pas l'uvrn a la mountannho. Toutta l famillha n'avn mnco un e lou fstin, qu's fzo ntr dzmbre e gne, l'ro co un'oucazioun pr se troub nsmp oou toutto la famillho e oou l vzin, e rnouvl l'amichsio e l liam d parntllo n coulabourant e n fznt fto. ncaro euiro calcun fai lou fstn n l valadda pi rmount.

L'uccisione del maiale
L'allevamento del maiale ha sempre avuto un posto importante nell'alimentazione del montanaro. Tutte le famiglie ne allevavano almeno uno e la sua uccisione, che avveniva di solito tra dicembre e gennaio, era un'occasione per radunare tutta la famiglia ed i vicini e rinsaldare cos legami di parentela ed amicizia, collaborando e festeggiando insieme. Questa tradizione ancora diffusa, soprattutto in Val Germanasca ed in Alta Val Chisone.



Coum un travallho la carn d pieurc
Apre qu'un l' sanh, lou pieurc vai eibulhnt pr pougu lou rcl, peui un l'eiclappo, un lou pzo, e un lou chario dint pr lou travalh. La s sparo la carn d gr e la s' tallho vio la coueino.
La s' fai coire lou gr pr agu l graisilhoun e la graiso founduo qu srvo peui pr curb l salam; un cho la carn, un lo pzo e un lei ajuntio la sl, lou peoure, la nouizo muscaddo e l counsrvant. Un butto lou coumaout nt uno maqquino sprs, qu' un mbousoou adt pr nsach-lou nt bil chit e nt bil gr qu'un jo poulid e lav a l'aigo frido. Un grouppo lou bil chc vint cm., pr f l saoutissa e l salam p tro' lonc. Lou mme aparlh srvo co pr nsach lou boudin. 
Uno part d gr un l'nvrtoullho, oou la sl e d gust dint pr qu' s' counsrve mlh, e un ou grouppo eitrit ooub uno fisllo rzistnto. Lou lart, qu'un asazouno co a la mmo moddo, un lou tn d caire e duro tou' l'uvrn. L saoutissa, l salam e l boudin, apre qu'un l fait eisu pr quinze jorn pnd soule nt uno chambro p tro' frido, soun prst pr se but nt uno sllho, curb d' graiso e counsrv pr un ann.

La lavorazione del maiale
Una volta ucciso, il maiale viene sbollentato, raschiato, squartato, pesato, e portato in un locale idoneo alla sua lavorazione. La carne viene separata dal grasso e viene tolta la cotenna.
Il grasso viene messo a cuocere per ricavarne i ciccioli; la maggior parte della carne viene macinata in un grande recipiente. Cos tritata, la carne viene pesata e, in base al peso, si aggiungono precise quantit di sale, pepe, noce moscata e nitrati. L'impasto viene poi insaccato mediante un'apposita macchina ad imbuto nelle budella lavate e ripulite in precedenza, e vengono cos preparati i salami, lunghi circa 20 cm. Anche il cotechino ed il sanguinaccio si insaccano allo stesso modo.
Parte del grasso viene arrotolato per farne la pancetta, che viene insaporita con sale, pepe, aglio, rosmarino e noce moscata e legata stretta con uno spago resistente. Si tiene da parte il lardo che, anch'esso arricchito con erbe, si conserva a lungo. Salami, cotechini e sanguinacci, dopo essere rimasti 15 giorni appesi al soffitto mediante apposite rastrelliere, vengono riposti in recipienti di legno o terracotta e ricoperti di strutto. Possono resistere cos ad un anno di conservazione.



Lou boudin
La s' fai coire l coueina, l fricas (l poulmoun, lou coeur, lou fgge), un ou laiso rfrz, peui un ou cho e un ou butto nsmp ai graisilhoun nt sanc qu'un avo rchamp nt un peirl cant un avo amas lou pieurc. Co nt boudin un butto l gust (canllo, nouizo muscaddo, peoure, sl) pr lou f pi gusto.

Il sanguinaccio
Si fanno cuocere le cotenne, i polmoni, il cuore, il fegato, li si lascia raffreddare, poi vengono macinati e uniti al sangue raccolto in un recipiente al momento della scannatura e ai ciccioli preparati in precedenza. Sale e spezie (cannella, noce moscata e pepe) rendono il sanguinaccio pi saporito.

Lou "muzou" d Rooudourt - "Museo" di Rodoretto

Rooudourt
L' nssari doun calc nfourmasioun s Rooudourt, s'un vol cap coum s' pas l'storio d soun "muzou": l' un pa p gaire gr, qu's trobbo appre a 1.450 m. s.l.m., ms d l mountannha. L't la lh' ncaro calc dzna d prsouna qu lei van, nvcche l'uvrn la nh' mc pi trze, qu lei tn tou' l'ann e qu'an un agge counsiderabble; la baste pns qu' uno d' l donna d'eiquiaout ilh 94 ann, un'aoutro n' 103 e soun filh, qu'to ooub illhe, n' blle 80.
D 1973, cant lou chit "muzou" s fai, la situasioun ro nc difrnt: l'uvrn la lh'avo ncaro uno dzno d' famillha, e n la bllo sazoun toutta l meizoun tournavn se ubr e l pi jouve s dounavn da f pr rndre lou pa pi viou, n ourganizant toutto sors d fta e d'amuzamnt.
Surtout dui apuntamnt ntrsavn toutto la poupulazioun: lou prim, qu s tno lou m d' lulh, l'ro lou "Trofeou d brous", uno garo d marcho e d tir, rcounouiso ufisialmnt da l Rjoun, qu fzo arib a Rooudourt bin d'atlete oou lour famillha e louri ams.
Lou sgount apountamnt l'ro la fto d San Loourns d 10 d'oout, e l' proppi pr eiqull fta qu'nt se ourganiz pr l f pi blla e ntrsanta e qu la nai l'ido d'uno espouzisioun.

Rodoretto
Alcune informazioni su Rodoretto sono necessarie per capire la breve storia del suo "museo": si tratta di un paesino situato a circa 1.450 m. s.l.m., dislocato in fondo a una valle selvaggia. Oggi abitato nel periodo estivo da alcune decine di persone, mentre nel periodo invernale ne restano solo 13, con un'et media molto alta; basti pensare che una signora ha 94 anni, un'altra ne ha 103 e suo figlio, presso il quale abita, ha quasi 80 anni.
Agli inizi degli anni '70, quando vede i natali il piccolo "museo", la situazione era diversa: nel periodo invernale si potevano contare una decina di famiglie, mentre in quello estivo tutte le case si riempivano ed i giovani mettevano in opera le loro risorse per vivacizzare il paese, organizzando feste e svaghi di ogni genere.
In particolare due appuntamenti coinvolgevano tutta la popolazione: il primo, che si svolgeva nel mese di luglio, era il "Trofeo dei rododendri", una gara di marcia e tiro, riconosciuta a livello interregionale, che attirava a Rodoretto molti atleti, al cui seguito giungevano normalmente parenti ed amici.
Il secondo appuntamento era la festa patronale del 10 agosto, ed proprio intorno a queste manifestazioni che emergono nuove esigenze di svago ed attrazione, fra le quali nasce l'idea di dare vita ad una mostra.



La mountannho contio soun storio
La magistro Elena Breusa, oou lou magistre Enzo Tron e d'aoutr rooudourn coumnsn a rchamp lh'aize e tou' soc avo sampre srv a la bzounnho n la vitto d tuoi l journ, ma qu'euiro ro vlh e dstin a l'abandoun. Ilh rbtn uno sntno d toc e prparn un'espouzisioun n l'eicolo d carte d' la glizo Vdouazo qu'ro d proupri d Consistoure, ma dount la s'ro sampre fait l'eicolo elementaro.
Da jac l'espouzisioun ro an bn e qu tuti rn t satisfait, lou magistre Tron, oou la coulabourasioun d la magistro Breusa e d'aoutri rooudourn, an dsid d lo mantn coum ilh ro e d lo f vzit a qui ro ntrs.
D 1981 laz stansia d plan d'soubbre soun t aranj e, co mers a la countribusioun d la Rejoun d Piemount, l'espouzisioun t faito nt uno maniro pi razoun e pi faslo da vzit.
Poc a la v, l' t lou magistre Tron qu' fun pr s' nen oucup lou pi, e qu l' souanh pr uno trntno d'ann, p moc pr lo counsrv, ma co pr lo f counouise foro d pa. Tout eiqun t pousibble mers a l counouisnsa qu'al avo a l'eitrange e co n fznt intr lou "muzou" nt rezaou d Muzou Vdou.
Maleirouzament l dre ann, caouzo d sa salutte dlicatto, al pap arib e s'nen oucup, l' pr soc la s' dg lou sr fin a la fin d 2004. L' nlouro qu dooutri roudourin an dsid d tourno l'ubr e d se ncharj d la pouliso d l sala e d soc ro n espouzisioun, d'rf l'plant elettric, l fntra e lh', d'nchaousin e d blanch, pr qu' fouse mai przntabble.
L' surtout mers a Graziella Pons e Pierino Baral, qu lei soun sampre t e qu'an sampre coulabour oou tuti, qu la s' poug torno ubr lou "muzou".
La prsouno qu vn lou vzit dou p se crire d se troub drant a un'espouzisioun d'aise, ma qu' s'atnde pitost d'intr nt uno vro meizoun, ncaro abit da calcun; d'ercountr soun prouprietari, qu l'aqueullho e li moutro laz stansia e, coum la s' fai d'abituddo, co saz nvnsioun, laz avrtnsa qu'al ag pr adat soc al fait a saz eizignsa e a qulla d post. Tou' soc eiqui dint n eft t fait a man da calcun d pa, e p da d maqquina qu fabriqqun lh'aize un apre l'aoutre, tuti a la mmo moddo.
nt se imagin d dgu vioure nt eiqullo meizoun, qu' t noum "la meizoun d donn", e d dgu utiliz soc un lei trobbo dint, prqu qu' la lei p d'aize qu marchn oou l'eletrisit, ni d'aoutri maquinari tipiqque d notro vitto d'nqueui.
Lou "muzou" fin zham d se f; chc ann un lei ajountio d'aoutr toc (la lei n' jo pi d 200), e la s' ncamin d prpar la parto qu'ro la pi mpourtanto pr notr vlh: lou tit.
Mafalda Tron

La montagna che si racconta
La maestra Elena Breusa, con il maestro Enzo Tron ed un gruppo di rodorini iniziano a raccogliere tutti quegli oggetti ed attrezzi che, pur essendo stati essenziali nella vita dei genitori e dei nonni, non venivano pi usati ed erano destinati alla distruzione o all'abbandono. Raccolsero un centinaio di pezzi ed allestirono una mostra nei locali di propriet del Concistoro della chiesa Valdese, gi adibiti a scuola elementare.
Si trattava di una vera e propria mostra, intesa come esposizione di oggetti, il cui esito fu piuttosto soddisfacente. Il maestro Tron, con la collaborazione della maestra Breusa e con altri abitanti del luogo, decisero di mantenerlo nel tempo e ne curarono le visite e la conservazione.
Nel 1981 vennero recuperati due locali al piano superiore della scuoletta e, grazie al contributo finanziario della Regione Piemonte, la mostra venne disposta in modo pi razionale e pi facilmente visitabile.
Poco per volta, la gestione del museo pass al maestro Tron, che se ne cur per una trentina di anni, attivandosi non solo nella sua conservazione, ma curandone anche la "visibilit", cosa che ottenne entrando a far parte della rete dei Musei delle Valli Valdesi e rendendolo noto, tramite sue conoscenze, anche all'estero.
Purtroppo negli ultimi anni, a causa della sua salute cagionevole, egli non riusc pi a curarlo, finch si dovette chiuderlo e tale rimase per un paio di anni. Verso la fine del 2004, alcuni rodorini decisero di riaprirlo, provvedendo alla pulizia dei locali e degli oggetti esposti, alla messa a punto dell'impianto elettrico e degli infissi, all'intonacatura e tinteggiatura, al fine di renderlo nuovamente presentabile. stato grazie a due persone in particolare, Graziella Pons e Pierino Baral, punti di riferimento per tutti quanti hanno collaborato, che si potuto far rinascere il "museo".
Il visitatore non deve pensare di trovarsi davanti ad un'esposizione di oggetti, bens di entrare in una casa nella quale abitino delle persone; di incontrare il proprietario, che li ospita e mostra le sue stanze e, come si fa in queste occasioni, anche le sue invenzioni, gli accorgimenti che ha usato per adattare questo o quell'oggetto alle sue esigenze o alle esigenze del posto. Ogni oggetto infatti frutto di un lavoro artigianale, che varia a seconda della mano (e qui si parla di mano dell'uomo, e non di una macchina che fa gli oggetti in serie) che lo ha costruito.
Si immagini di dover vivere in quella casa, che stata chiamata "la casa dei nostri nonni", e di dover utilizzare quegli oggetti perch non ci sono elettrodomestici a disposizione, n altre macchine o comodit tipiche della nostra vita odierna.
Il "museo" in continua evoluzione, infatti ogni anno nuovi oggetti si aggiungono (ce ne sono ormai pi di 200), ed in fase di programmazione l'ambiente che per i "nostri nonni" era di fondamentale importanza: la stalla.
Mafalda Tron



Info
Frazione Villa di Rodoretto, Prali.
Visita libera: ufficio "Il Barba" tel. 0121.950203
Visite guidate: su prenotazione presso ufficio "Il Barba" tel. 0121.950203 
Lou muzou po p se vzit da qulli qu pon p march snso dificult

Info
Frazione Villa di Rodoretto, Prali.
Visita libera: ufficio "Il Barba" tel. 0121.950203
Visite guidate: su prenotazione presso ufficio "Il Barba" tel. 0121.950203 
Il museo non accessibile ai disabili (carrozzelle)

>


Curiouzit - Curiosit

Ou "vil d m'nistre"
Fin 1827 Rooudourt e Prl fzn parto d la mmo parouso vdouazo e lou m'nistre qu dvo s' nen ocup tvo a Prl. Apre qu'al avo prch a Prl la diamnjo matin, s lou tmp ro p tro' mar, al anavo a p lou long d vil qu parto dai Counh, travrsio lou Poust e Galmount, callo lou long d riou e peui mounto a La Vilo d Rooudourt. L' d'eiqu qu vn lou nom d "vil d m'nistre".
L'uvrn nvcche lou m'nistre pasavo lou long d la vio pi frecant, sout a la Gardiolo, amount pr lh'Eichaleiras e peui, apre 6 quilomttre, al aribavo a Rooudourt.
L'ro d parousa, coum co qulla d Masel e d Manllho, qu'rn counsider d "primmo claso", prqu arib si aout e si leunh l'ro pitost pnibble. Souvnt un asinhavo eiqu' parousa ai candid ou ai m'nistre qu'rn apno t counsacr.



Il "sentiero del pastore"
Fino a1 1827 le parrocchie valdesi di Rodoretto e Prali erano unificate e affidate alla cura di un solo Pastore residente a Prali. Questi, dopo il culto del mattino a Prali, se le condizioni della montagna lo consentivano, percorreva il sentiero che, partendo dalla borgata Cugno attraversa Pouset e Galmount, scende dal torrente e risale a Villa di Rodoretto. Il sentiero prese appunto il nome, in patois, di "viottolo del ministro".
Durante i mesi invernali il pastore percorreva invece la strada di fondovalle, seguendo la mulattiera che passa sotto la Gardiola per risalire agli Eicialeiras e giungere, dopo 6 km, a Rodoretto.
Queste parrocchie (come quelle di Massello e Maniglia) erano considerate di "prima classe", cio fisicamente gravose e venivano in genere affidate ai candidati o ai pastori appena consacrati (il "tour de montagne").

>


Notraz rstta - Le nostre ricette

La "souppo vdouazo" ou "souppo barbtto"
La souppo barbtto s prparo ooub un'rstto bin counouiso n tuti notri vialagge d l valadda. L'ro un plat qu'un fzo surtout pr lou drst, pr Pca ou pr Dnl. 
Soun nom vn da l'stranom d "barbt" , qu'un dounavo ai vdou. vnn anoum parlh n souvnr d "barbo" qu'anavn a p prch nt vialagge, da uno mountannho a l'aoutro, tmp d l prscusioun.
L' boun f ppar la souppo e la lei vai p granqu. Un lo fzo co a marndo lou journ d fstn, cant un amasavo lou pieurc.

La zuppa valdese
La "zuppa valdese" un piatto tipico della nostra zona. Un tempo veniva consumata essenzialmente in circostanze particolari: in occasione della festa valdese del 17 febbraio, a Pasqua, nelle festivit natalizie. Il nome "souppo barbtto" deriva dall'usanza di chiamare "barbt" i valdesi, in ricordo dei "barbo" o zii, predicatori itineranti medioevali.
Il piatto molto semplice e fatto con ingredienti poveri, come tutta la cucina valdese. Veniva anche consumato in occasione del "festin", festa popolare che aveva luogo in occasione dell'uccisione del maiale.



Lh' ngrdint pr 6 prsouna
6 ettou d grsn
un littre e d breu d bulh
2 ettou d toummo ou d parmijan
1 ettou d bur frc
D canllo e d nouizo musc

Ingredienti - per 6 persone
6 etti di grissini (senza grassi)
un litro e di brodo di carne
2 etti di parmigiano o toma
1 etto di burro fresco
cannella e noce moscata



Coum s prparo
Fz foundre la meit d bur nt un poualoun; ajounti-lei l grsn, qu' sin d la lounjour justo pr curb lou foun; smn-lei un poc d canllo e d nouizo muscaddo, un poc d toummo e peui fz un aoutre sl, n croziant l grsn d l'aoutre caire, vivo, fin qu lou poualoun sie pln. Cant ouz av but tuti votr grsin, vouid-lei s lou breu d bulh p tro' chaout, sn ilh arstn dur. Lais coire a p'chit fieuc, ooub uno cubrsllo, fin qu lou breu sie counsum. Fz gratin fourn pr 10 minutta. Fz rous lou bur qu'ouz ave lais d' caire, arouz nen la souppo e ajounti ncaro un po' d toummo grat.
Atansioun: nt p se srv d grsn tro' blanc e fin, ma qu' sn pitost grouse. La souppo vai zham vir mb qu' coi; la basto lo soulv un poc ooub uno fourchetto e f pas l'aire, pr p qu' s'ataqque foun d poualoun e p qu' bruze.

Preparazione
Sciogliere la met del burro in un tegame di terracotta; aggiungere i grissini, adattando la loro lunghezza alla capienza del recipiente, ed alternandoli nei due sensi a formare diversi strati, che andranno cosparsi man mano con il formaggio e le spezie in modica quantit. 
Bagnare lentamente il tutto dall'alto con il brodo appena tiepido e lasciare cuocere a fuoco lento, con il coperchio, fino ad assorbimento. Gratinare in forno per 10 minuti. Far sciogliere il restante burro e cospargerne i grissini a fine cottura, con un'ultima spolverata di parmigiano.
Attenzione: E' indispensabile usare grissini molto rustici, artigianali, ed importante non mescolare la zuppa durante la cottura; ufficiente sollevare periodicamente i grissini con un paletta per fare penetrare l'aria e staccare eventualmente il preparato dal fondo della casseruola.

Guicht d patou - Sportelli del "patou"

L guicht d patou soun un srvissi d la Coumunit d Mountannho d l Valadda d Clzoun e d la Germanasco qu' t ubrt mers ai finansiamnt d l'stat (dipartimnt pr lh'af rjounl), arib n aplicasioun d la lgge 482/99, faito pr counsrv l lnga qu soun parl mc da d minouransa, coum lou patou e lou frans. n notra Valadda lou prougt marcho oou la coulabourasioun d doua asouchasioun: "La Valaddo", qu' counsider cap-flo, pr l'aouto valaddo d Clzoun e "Amici della Scuola Latina", pr la baso valaddo e pr la val Germanasco 
L guicht d patou an lou but d rndre pousibblo uno coumunicasioun qu s fase n l doua lnga, italian e patou.

Gli Sportelli Linguistici sono un servizio istituito dalla Comunit Montana Valli Chisone e Germanasca grazie ai finanziamenti ottenuti dallo Stato (dipartimento per gli Affari regionali) ai sensi della Legge n. 482 del 15/12/1999 per tutelare le minoranze linguistiche storiche. Per le Valli Chisone e Germanasca il progetto condotto in collaborazione con lAssociazione "La Valaddo", che funge da capofila e opera nell'alta Val Chisone, e con lAssociazione "Amici della Scuola Latina", che opera nella Val Germanasca e nella bassa Val Chisone.
Gli Sportelli Linguistici hanno la finalit di condurre alla realizzazione della comunicazione bilingue occitano-italiano.



Sportello Sovracomunale Comunit Montana Valli Chisone e Germanasca
presso l'Ufficio Cultura
via Roma 22
10063 Perosa Argentina
Tel. 0121802512 - Fax 0121802540, 
Orari:
mars, jo e vnre dalle 8.15 alle 12.00
mrcre 8.15 alle 16.00

Sportello Sovracomunale Comunit Montana Valli Chisone e Germanasca
presso l'Ufficio Cultura
via Roma 22
10063 Perosa Argentina
Tel. 0121802512 - Fax 0121802540, 
Orari:
marted, gioved e venerd dalle 8.15 alle 12.00
mercoled 8.15 alle 16.00



OU POUMAR
Lou "Guicht d patou" d Poumar al ubrt tou' l'ann, dui journ pr smano: lou mars e lou vnre apre marndo, da 13.15 a 17 oura.
Via Balziglia, 103 
10060 Pomaretto
tel.: 0121 803684
Pr l cumun d L Porta, Prml, Vialr, Sangerman, Pinacho, L' nvrs d' Pinacho, Peirouzo, Lou Poumar, Lou Prie, Salso, Masel, Prl.

POMARETTO
Lo Sportello linguistico di Pomaretto, aperto tutto l'anno, per due giorni la settimana: il marted e il venerd dalle 13.15 alle 17, vi lavorano tre traduttori.
Via Balziglia, 103 
10060 Pomaretto
tel.: 0121 803684
Facente funzione per i Comuni di: Porte, Pramollo, Villar Perosa, San Germano Chisone, Pinasca, Inverso Pinasca, Perosa, Pomaretto, Perrero, Salza, Massello, Prali.



VILLARETTO
A l'ufisi d l'Asouchasioun "La Valaddo", a Villaretto Chisone.
Tel. 346/9552568
Orari:
Luns 15.00-18.00
jo 9.00 12.00
Pr l cumun d Roure, Fnetrlla, Ushaou , Pradzal.

VILLARETTO
presso gli uffici dell'Associazione "La Valaddo", a Villaretto Chisone (Ex casa comunale).
Tel. 346/9552568
Orari:
Luned 15.00-18.00
Gioved 9.00 12.00
Facente funzione per i Comuni di Roure, Fenestrelle, Usseaux, Pragelato.

   Il Territorio
Comune di Prali - Fraz. Ghigo, 16 - 10060 Prali (TO)
  Tel: 0121.807513   Fax: 0121.806998
  Codice Fiscale: 85000070012   Partita IVA: 03043330012
  P.E.C.: prali@cert.ruparpiemonte.it   Email: prali@ruparpiemonte.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi luso dei cookies.Maggiori informazioni.